Non puoi effettuare un nuovo ordine dal tuo paese. United States

Grappe Tradizionali

Mostra come ListaGriglia
Show:
Ordina per
  • La Grappa Mangilli è ottenuta dalla distillazione di vinacce fresche e profumate di uve tipiche friulane, dalle più diffuse Tocai, Pinot, Cabernet, Merlot alle più rare e ricercate Sauvignon, Verduzzo, Malvasia, Traminer, Moscato, Picolit, Tazelenghe e Refosco. La Grappa Mangilli è una sapiente e dosata miscela di distillati ottenuti con i seguenti sistemi di distillazione: sistema a ciclo discontinuo, che prevede l'impiego delle tradizionali "caldaiette" a vapore e di alambicchi di rame sotto l'esperto ed attento controllo del maestro distillatore, che interviene manualmente nelle varie fasi della distillazione, dal caricamento ad "intermittenza" delle caldaie alla separazione dal distillato delle teste, ricche di alcol metilico, e delle code, ricche di olii amilici, per estrarre solo la parte centrale ricca di aromi e di componenti caratteristici; sistema a ciclo continuo, che prevede l'impiego di moderne colonne di distillazione dove, diversamente dal sistema a ciclo discontinuo, tutte le operazioni, dall'alimentazione dell'impianto all'estrazione del prodotto, avvengono "senza interruzioni".
  • Diversamente dalla maggior parte dei distillati, che appena ottenuti sono privi delle caratteristiche organolettiche tipiche che vengono conferite solo da un opportuno invecchiamento, la grappa è invece ricca e piena del suo aroma tipico sin dal momento della distillazione. Tuttavia un buon periodo di riposo in recipienti neutri di vetro o di acciaio inossidabile, conferisce alla grappa un armonico affinamento ed un migliore equilibrio dei suoi componenti: per la Mangilli Bianca il periodo minimo di riposo è di sei mesi. L'invecchiamento in recipienti di legno, dopo l'affinamento, favorisce invece i fenomeni chimico-fisici (ossidazione, esterificazione, ecc.) con la formazione di componenti che conferiscono al distillato un aroma di grande complessità ed una morbidezza nel gusto; inoltre la cessione di sostanze estrattive (tannino) da parte del legno conferisce al distillato un colore ambrato e nuove componenti organolettiche. La Mangilli Riserva è composta da una miscela di distillati diversamente invecchiati in botti di rovere, il più giovane dei quali con almeno un anno di invecchiamento.

  • Per celebrare i propri cento anni di vita Mangilli propone un segno della propria capacità d'innovazione, pur nel rispetto della continuità della propria tradizione, con una nuova serie di confezioni. La bottiglia, ispirata al primo magnum Mangilli, è realizzata in vetro soffiato, con linee curve estremamente tese ma mai rettilinee e rigide, che permettono un'ottima impugnabilità e facilitano la mescita. Il tappo, in due diverse tonalità di legno, raccordate alla tipologia della grappa, a forma di tronco di cono aperto verso l'alto, facilita l'apertura e la chiusura della bottiglia, esalta e conclude la verticalità dell'insieme: tradizione Mangilli e segno simbolico dell'etereo sotteso alla distillazione; è adatto ad ospitare, in verticale, il nome dell'azienda che diventa così segnale. Immediatamente riconoscibile e identificabile in una composizione di bottiglie, al bar, sul mobile del ristorante o in casa, porta in etichetta soltanto il simbolo, il nome della casa e del prodotto lasciando in retroetichetta tutte le informazioni necessarie. La nettezza degli elementi grafici e la rigorosa essenzialità dell'insieme è coerente e congrua all'impostazione delle linee dei vini della casa, poiché, pur trattandosi di prodotti totalmente diversi, è valore irrinunciabile l'armonia fra ogni elemento del marchio Mangilli
  • Per celebrare i propri cento anni di vita Mangilli propone un segno della propria capacità d'innovazione, pur nel rispetto della continuità della propria tradizione, con una nuova serie di confezioni. La bottiglia, ispirata al primo magnum Mangilli, è realizzata in vetro soffiato, con linee curve estremamente tese ma mai rettilinee e rigide, che permettono un'ottima impugnabilità e facilitano la mescita. Il tappo, in due diverse tonalità di legno, raccordate alla tipologia della grappa, a forma di tronco di cono aperto verso l'alto, facilita l'apertura e la chiusura della bottiglia, esalta e conclude la verticalità dell'insieme: tradizione Mangilli e segno simbolico dell'etereo sotteso alla distillazione; è adatto ad ospitare, in verticale, il nome dell'azienda che diventa così segnale. Immediatamente riconoscibile e identificabile in una composizione di bottiglie, al bar, sul mobile del ristorante o in casa, porta in etichetta soltanto il simbolo, il nome della casa e del prodotto lasciando in retroetichetta tutte le informazioni necessarie. La nettezza degli elementi grafici e la rigorosa essenzialità dell'insieme è coerente e congrua all'impostazione delle linee dei vini della casa, poiché, pur trattandosi di prodotti totalmente diversi, è valore irrinunciabile l'armonia fra ogni elemento del marchio Mangilli
  • La Grappa Mangilli è ottenuta dalla distillazione di vinacce fresche e profumate di uve tipiche friulane, dalle più diffuse Tocai, Pinot, Cabernet, Merlot alle più rare e ricercate Sauvignon, Verduzzo, Malvasia, Traminer, Moscato, Picolit, Tazelenghe e Refosco. La Grappa Mangilli è una sapiente e dosata miscela di distillati ottenuti con i seguenti sistemi di distillazione: sistema a ciclo discontinuo, che prevede l'impiego delle tradizionali "caldaiette" a vapore e di alambicchi di rame sotto l'esperto ed attento controllo del maestro distillatore, che interviene manualmente nelle varie fasi della distillazione, dal caricamento ad "intermittenza" delle caldaie alla separazione dal distillato delle teste, ricche di alcol metilico, e delle code, ricche di olii amilici, per estrarre solo la parte centrale ricca di aromi e di componenti caratteristici; sistema a ciclo continuo, che prevede l'impiego di moderne colonne di distillazione dove, diversamente dal sistema a ciclo discontinuo, tutte le operazioni, dall'alimentazione dell'impianto all'estrazione del prodotto, avvengono "senza interruzioni".
  • Diversamente dalla maggior parte dei distillati, che appena ottenuti sono privi delle caratteristiche organolettiche tipiche che vengono conferite solo da un opportuno invecchiamento, la grappa è invece ricca e piena del suo aroma tipico sin dal momento della distillazione. Tuttavia un buon periodo di riposo in recipienti neutri di vetro o di acciaio inossidabile, conferisce alla grappa un armonico affinamento ed un migliore equilibrio dei suoi componenti: per la Mangilli Bianca il periodo minimo di riposo è di sei mesi. L'invecchiamento in recipienti di legno, dopo l'affinamento, favorisce invece i fenomeni chimico-fisici (ossidazione, esterificazione, ecc.) con la formazione di componenti che conferiscono al distillato un aroma di grande complessità ed una morbidezza nel gusto; inoltre la cessione di sostanze estrattive (tannino) da parte del legno conferisce al distillato un colore ambrato e nuove componenti organolettiche. La Mangilli Riserva è composta da una miscela di distillati diversamente invecchiati in botti di rovere, il più giovane dei quali con almeno un anno di invecchiamento.
  • La grappa barricata ha gusto morbido ma deciso. Maturata in barriques di rovere è destinata ai veri intenditori.

  • La grappa barricata ha gusto morbido ma deciso. Maturata in barriques di rovere è destinata ai veri intenditori.

  • E' il risultato di particolari miscelazioni di grappe in invecchiamento provenienti da differenti vitigni anche aromatici

  • Nasce dall'unione di grappe distillate con l'impianto di distillazione a ciclo continuo e grappe provenienti dalla distillazione con l'impianto discontinuo a bagnomaria.
    Grappa fine, con profumi netti e delicati, che avvolge ampiamente il palato accarezzandolo con la sua morbidezza ed il suo giusto equilibrio.

Mostrando 1 - 10 di 11 articoli